Come dimagrire con le abbuffate. Non ci credi?

Il segreto per mangiare tutto ciò che vuoi e dimagrire comunque

Natale è magico e tutto può accadere. Ma sei sicuro che possa succedere solo in quel periodo?

 

Scopri la dieta perfetta per non ingrassare a Natale, Pasqua e alle feste comandate

Ciao, 

Ci avviciniamo nuovamente alle festività natalizie e, come ogni anno, il rischio è di non uscirne indenni ed essere scambiati per Babbo Natale alla sera della vigilia.

Aperitivi, cene, pranzi di lavoro, tutto sembra una congiura organizzata dal tuo peggior nemico per farti rimettere i kg faticosamente persi durante l’anno.

Oggi voglio raccontarti come Marco ha risolto questo problema.

Marco, è un affermato assicuratore che tiene molto alla sua forma fisica.

Durante l’anno, pone sempre attenzione ai cibi che mangia.

Nonostante la sua volontà di ferro, più si avvicina il Natale e più il suo autocontrollo diventa come quello Taz, il diavoletto della Taz-mania.

 

Ti ricordi mentre lo guardavi assieme ai tuoi figli?

Taz mangiava qualsiasi cosa di commestibile (e non) che trovava sul suo cammino.

Era instancabile, faceva piazza pulita di ogni cibo o presunto tale che incontrava sulla sua via.

Povero, non era colpa sua, la natura crudele lo aveva caricato di questo fardello.

Nonostante questo continua ingestione di cibo Taz non ingrassava mai, o se lo faceva, alla puntata successiva era già tornato come prima.

Purtroppo Marco non vive nei cartoni animati e la sua ingordigia natalizia lo portava ogni anno a mettere più di 5Kg in meno di un mese ?

Sembrava che tutto il suo autocontrollo sparisse nel nulla con l’avvicinarsi delle feste.

Ma come era possibile tutto questo?

Andando ad indagare a fondo, vengo a scoprire che Marco da ragazzino ha sempre avuto un carattere volubile e il più delle volte veniva trascinato dalle cattive compagnie.

La sua vita è stata una lotta all’autocontrollo per riuscire ad evitare di ritrovarsi immischiato in brutte situazioni.

Nonostante negli anni sia riuscito a mantenere una linea di principio nei suoi comportamenti, l’unica cosa che non è riuscito a controllare è “l’amico che ti invita a fare un aperitivo”.

Per Marco l’avvicinarsi delle feste è una situazione completamente a rischio.

Infatti, se durante l’anno le occasioni per un aperitivo o una cena con amici non sono moltissime, durante le festività sono invece troppe e condensate in un ristretto lasso di tempo.

Marco non sa dire di no e soprattutto, quando si tratta di lavoro, non riesce a tirarsi indietro davanti ad un cliente che gli porge un altro bicchiere di vino.

Non parliamo poi delle serate tra amici che , tra uno spritz e l’altro, vengono accompagnate da formaggi, salumi e leccornie di ogni genere.

Finalmente, un giorno, Marco decide di trovare una soluzione a questo suo “vizietto natalizio”.

Di anno in anno il Natale lasciava attaccati quei 6-700g che si accumulavano nonostante le diete drastiche che iniziavano il giorno dopo l’Epifania. 

Ormai Marco aveva perso la sua invidiabile forma fisica.

Entrato nel mio studio di Morbio, vicino a Chiasso  era disperato perchè non si sentiva più a suo agio in quel corpo.

Una volta tranquillizzato, abbiamo iniziato a valutare la situazione.

Prima di decidere quale strategia nutrizionale utilizzare abbiamo effettuato i seguenti test:

  • Anamnesi fisica

 

  • Anamnesi alimentare approfondita

 

  • Bioimpedenza, per valutare massa magra, massa muscolare, massa grassa, idratazione corporea e funzionalità cellulare

 

  • Plicometria, per misurare la massa grassa e vedere dove era maggiormente localizzata

 

  • Centimetria, per valutare il rischio cardiovascolare e l’entità del grasso viscerale (più pericoloso perchè aumenta i rischi di infarto e di altre problematiche vascolari)

 

  • Termografia, per la valutazione della vascolarizzazione dei tessuti (un tessuto più vascolarizzato riesce a trasportare con più efficacia i grassi al muscolo per essere smaltiti)

 

  • Diario Alimentare per valutare le abitudini di Marco e vedere come i cibi agivano anche a livello digestivo o sull’umore

 

  • Esami del sangue, per escludere qualsiasi complicazione (ed eventualmente mandarlo dal medico) e per individuare eventuali carenze da correggere con l’alimentazione


In un mondo di “guru” che dichiarano che la loro dieta è adatta a chiunque e che può farti dimagrire per sempre, noi valutiamo tutte queste cose prima di creare il tuo piano alimentare.

Infatti, dalla valutazione è risultato che Marco le aveva provate un po’ tutte per tornare al peso forma e non ingrassare più ma nulla aveva mai avuto successo.

Esistono infatti momenti ideali in cui applicare un certo tipo di dieta e questi cambiano spesso nel corso della vita.

Tra poco scoprirai la dieta ideale per le feste e la amerai perchè ti risolverà un sacco di problemi e scoprirai che non necessita di grandi fatiche.

Intanto, Marco esce dal nostro studio con un’alimentazione che gli permette di mangiare di più tutto l’anno, in modo da avere un metabolismo più elevato e una preoccupazione in meno quando sgarra.

Questo accade perchè, se mangio poco e male il corpo si adatta a vivere in riserva e appena introduco più cibo ingrassa più velocemente.

Logicamente il percorso è più lungo di quello di una dieta drastica ma è l’unica via per non affossare il tuo metabolismo e ingrassare appena guardi un pezzo di cioccolato.

Una volta persi i kg di troppo, con Marco inizia lo studio della dieta natalizia.

Valutata la difficoltà di cene e aperitivi, decidiamo che il modo migliore per non rischiare di ingrassare durante le feste è…….


Il digiuno intermittente!

Di che cosa si tratta?

Durante le feste solitamente alterniamo momenti in cui ci abbuffiamo a momenti in cui mangiamo meno perchè siamo pieni come un uovo.

E se questo modo di comportarsi non fosse del tutto sbagliato?

È possibile non avere rimorsi per quello che si mangia durante il cenone della vigilia, il pranzo natalizio e le cene pre-festività?

Una review scientifica dell’Journal of the International Society of Sports Nutrition  ( https://jissn.biomedcentral.com/articles/10.1186/s12970-017-0174-y ), ha valutato l’efficacia delle principali diete in circolazione nella perdita di grasso corporeo.

Dalla valutazione di più di 12 tipologie di diete è risultato che tutte hanno dei punti di forza e dei punti di debolezza.

Questo è uno dei motivi per il quale la stessa dieta non può andare bene per te e per la tua amica.

È come pensare che la stessa taglia di vestito vada bene a te e ad una tua amica con 20Kg in più.

Non è possibile!

Purtroppo siamo bombardati ogni giorno da pubblicità che definiscono la dieta del momento quella che va bene per tutti, ma non funziona così.

Sbagliare alimentazione potrebbe comportare un continuo aumento della massa grassa, la perdita della massa magra e addirittura portare a problemi di salute come diabete, malattie cardiovascolari e osteoporosi.

Vuoi rischiare tutto questo?

Per questo motivo oggi tratteremo il digiuno intermittente per avere un valido aiuto alimentare durante le feste.

Mi raccomando però, questo approccio non potrà essere utilizzato per tutto l’anno perchè nel lungo periodo e in base alla tua morfologia corporea potrebbe non essere indicato.

Vediamo nel dettaglio di che cosa si tratta.

Il digiuno intermittente si divide essenzialmente in 3 categorie:

  • Alternate-day fasting (ADF) o digiuno a giorni alterni

 

  • Whole-day Fasting (WDF) o digiuno per giorno intero

 

  • Time-restricted feeding (TRF) o alimentazione a tempo limitato


La ADF consiste in 24h in cui si mangia e 24h in cui si digiuna. Il deficit calorico che si instaura durante le settimane porta ad un dimagrimento. È di difficile gestione e non è utile ai fini delle feste natalizie.

La WDF consiste in 1-2 giorni di digiuno durante la settimana per instaurare un deficit calorico e portare al dimagrimento. Anche in questo caso non è la scelta migliore in questo periodo.

La scelta per eccellenza sarà invece la TRF che consiste in 16-20h di digiuno seguite da 4-8h di alimentazione.

Questa modalità è ottima durante le feste perchè permette di mangiare in quantitativo elevato durante le ore del cenone della vigilia o del pranzo di natale.

Non dovrai sentirti più in colpa e non dovrai rinunciare più a nulla.

La cosa positiva è che le ultime ricerche nel campo del digiuno intermittente sembrano confermare il fatto che mangiando (senza limitazioni) per 4 ore al giorno e digiunando per 20 ore si possa perdere grasso senza perdere massa muscolare.

Attenzione!

Queste ricerche abbinano quasi tutte un’allenamento che manda un importante stimolo di crescita alla massa muscolare.

Quindi, pur avendo un deficit calorico importante, la massa muscolare può essere conservata.

Come organizzare quindi l’alimentazione durante le feste?

Ti faccio un esempio per i giorni più duri sotto l’aspetto delle tentazioni.

  • Cena della vigilia di Natale: Non mangi dal mattino fino a cena e ti abbuffi solo nel momento della cena. Magari prima di cena fai anche un’allenamento ad alta intensità in modo da aumentare il tuo dispendio calorico post esercizio. Una BOMBA!!


Trovi le modalità per eseguire l’allenamento corretto a quest’altro nostro articolo —> http://www.undertraining.ch/blog/4kg-di-ciccia-in-un-mese-e-possibile/

  • Pranzo di Natale: Dopo le abbuffate della vigilia, prosegue la tortura al nostro apparato digerente. Con l’intestino ancora pieno ci apprestiamo ad affrontare il Natale. Le regole da seguire sono: no colazione, no spuntini, abbuffata a pranzo e digiuno fino al mattino successivo.

 

  • S Stefano: Qualcuno, avrà il coraggio di affrontare anche questa ultima fatica. ? Affrontiamola assieme. Colazione molto leggera: 1 yogurt e un frutto. STOP. Se ti svegli tardi, nemmeno quello.   Pranzo ad occhi chiusi (mangi ciò che vuoi) e poi digiuno fino alla colazione successiva.


Importante ribadirti che se ti alleni intensamente prima di ogni abbuffata permetterai a buona parte delle calorie che introduci di entrare direttamente nelle cellule muscolari, senza sbagliare porta ed entrare nel tessuto adiposo.

Ci siamo! o quasi.

Sarà importante conoscere il tuo fabbisogno proteico per evitare di non introdurre troppo poche proteine e compromettere la massa muscolare.

Inoltre, una volta passate le feste, dovrai tornare al regime alimentare più adatto alla tua costituzione fisica, alle tue abitudini alimentari, al tuo stile di vita.

Per fare questi due ultimi passaggi dovrai affidarti ad un professionista che valuti tutti i parametri che abbiamo visto all’inizio dell’articolo.

Se non sai da dove iniziare, contattaci a info@undertraining.ch esponendoci  le tue perplessità, saremo lieti di offrirti una consulenza gratuita per aiutarti a risolvere i tuoi problemi.

Un caro saluto e sempre in forma

Roberto Pusinelli
Esperto in dimagrimento e anti-aging

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *